Città di Castello

torna indietro
Loghi in home Page                                                
città di castelloFreccettaEventiFreccettaDettaglio eventi

SESTO POTERE

4/3/2019 Gal Alta Umbria Città di Castello castello@infoaltaumbria.it

La forza dell'immaginazione - 16/30 aprile, Mostra d'arte contemporanea degli artisti tifernati Giampaolo Tomassetti e Andrea Lensi - Rocca Paolina, Perugia. Inaugurazione: martedì 16 aprile, ore 17,30. Presentazione. Dott. Francesco Pullìa Ingresso libero

“SESTO POTERE La forza dell’immaginazione” Gli artisti tifernati Giampaolo Tomassetti  e Andrea Lensi espongono  dal 16 al 30 aprile, Rocca Paolina, Perugia. Inaugurazione: martedì 16 aprile, ore 17,30. Presentazione. Dott. Francesco Pullìa - Ingresso libero

GIAMPAOLO TOMASSETTI Si puo` riassumere il mio percorso in due categorie: Ordine e Caos. Per dirla alla Nietzsche: Apollineo e Dionisiaco. Una prima parte di strada dedicata ad intenti esplorativi e caratterizzata da una pittura rumorosa, indefinita, dove le figure emanano energia violenta, arrogante (dionisiaco) per subire, nella fase successiva, una trasformazione che rivela la pacificazione del segno, la morbidezza del femminile… un principio individuationis dove il tratto e le masse scandiscono lo spazio, dove ogni cosa e` al suo posto (apollineo). L’ordine necessario per superare il dolore dell’esistenza. Le due tendenze continuano a confondersi integrandosi nel gioco vitale, tra emozione e ragione. Su questa linea l’immaginazione tenta il confronto dialettico tra le categorie dell’Ordine e il concetto di Caos, tra la sicurezza di cio` che è conosciuto e consolidato nel classico e il terrore del salto nel buio, nell’inesplorato. Campiture di colore e materiali inerti, dripping (scolature e gocciolature) di liquidi che disegnano l’imprevedibile, naturalmente con un minimo controllo dell’operatore. Lasciare che la natura, la materia, la chimica ci portino nel disagio affascinante dell’ignoto. Cosa ci attrae e ci respinge piu` dell’ignoto?  Nell’incertezza entrano a forza immagini naturalistiche, riferimenti a modelli conosciuti (animali, umani, oggetti ecc.) Le figure integrano le superfici di materia, esse si appoggiano con ombreggiature appropriate a muri primordiali che rivelano o nascondono origini misteriose, un attimo prima della “creazione”.